ECCO… I NOSTRI FIGLI - Il libro

2016 © fotografie, grafica, sito internet by Eugenio Malaspina

Mi   chiamo   Eugenio   Malaspina   e   ho   scritto   un   libro,   un   piccolo   volume   che   non diventerà    mai    un    best    seller,    ma    che    testimonia    ciò    che    fanno    molti collaboratori   laici   delle   Missionarie   della   Carità,   le   "sisters"   di   Madre   Teresa   di Calcutta. Vi   racconto   la   mia   esperienza   è   quella   di   mia   moglie   Caterina,   entrambi,   da quasi   quattro   anni,   operiamo   presso   la   missione   di   Bologna   gratuitamente   e coinvolgendo tutti i nostri familiari e conoscenti. Nel   libro   in   piccola   parte   raccontiamo   la   nostra   "chiamata"   e   ampiamente alcune   storie   di   ragazze   che   abbiamo   conosciuto   in   questi   anni   o   rincontrato nello stesso periodo. A   Bologna   accolgono   solo   donne,   ragazze   giovani   e   anziane,   ragazze   in   cinta abbandonate   o   giovani   mamme   vittime   di   violenze   o   incapaci   di   mantenersi. Vengono   accolte   signore   anziane   sole   che   nessuno   più   vuole   tra   i   piedi   o   che non hanno nessun parente. Come   si   può   raccontare   in   poche   pagine   la   vita   di   una   persona?   È   impossibile ma   si   può   far   conoscere   ciò   che   gli   accade   e   ciò   che   induce   in   loro   dolore   e sofferenza e, al tempo stesso, speranza è spiragli di luce. I   nomi   sono   stati   quasi   tutti   cambiati   per   tutelare   la   privacy   di   codeste   nostre sorelle   e   fratelli.   Potrete   leggere   di   Sebastian,   il   piccolo   bimbo   di   cinque   anni cerebro   leso   che   con   la   sua   mamma,   in   attesa   di   un   altro   bimbo,   è   stato   qui per essere curato. Potrete   leggere   la   storia   di   Barbara   e   Chiara   della   Costa   d'Avorio   e   di   Elena, Nicola   e   Marco,   "romani   de   Roma",   di   Anna   e   Inna   dall'Ucraina,   di   “Stefania   la cantante di Dio” e tanto altro ancora. Vi   racconto   la   storia   di   Gianna   Jessen   australiana   vittima   scampata   all'aborto salino e di Elena e della sua famiglia. Parlo   di   Madre   Teresa   e   dei   tanti   collaboratori   nel   mondo,   di   adozioni,   di procreazione   assistita   attraverso   la   mia   storia   personale,   di   aborto   e   tanto altro sotto la luce della Santa di Calcutta. Lo   scopo   di   questo   libro   è   quello   di   far   conoscere,   attraverso   alcuni   casi,   le storie   di   centinaia   di   persone   che   collaborano   gratuitamente   con   le   Missionarie della   Carità   di   Madre   Teresa   –      proclamata   santa   il   4   settembre   2016.   Tutti possono   fare   ciò   che   facciamo   e   questo   libro   può   aiutarci   a   dare   di   più   e   a   far si che altre persone possano avvicinarsi a questa realtà. Perché si fa ciò? Per amore, solo per amore. Premessa  Questo   libro   non   l'ho   scritto   perché   in   cerca   di   gloria   personale   o ricchezza    economica    ma    affinché,    raccontando    una    esperienza    di volontariato   alla   portata   di   tutti,   anche   altri   possano      intraprendano   la stessa   strada,   o   anche   una   differente,   seppur   d'amore   e   servizio   per   i fratelli. Pensare   al   futuro   mi   fa   un   po'   paura   e   non   dovrei   averne,   non   dovremmo averne. Il   passato   invece   tenta   di   condurmi   ad   uno   stato   di   angoscia,   ci   sono   molti   bei momenti   da   ricordare   ma   anche      tanti   lunghi   periodi   di   sofferenza   che   a ripensarli si rinnovano. Il   quark   temporale,   quell'infinitesimo   di   esistenza   che   congiunge   il   futuro   al passato   e   che   chiamiamo   impropriamente   presente,   quello   sì   che   è   fantastico, quello sì che mi affascina. Quel   preciso   istante,   questo   preciso   istante   lo   voglio   vivere   intensamente,   al cento   per   cento.   Non   parlo   certo   di   sballo,   di   imbottirmi   di   droghe   o   di   alcool, nemmeno   di   salire   in   macchina   e   lanciarmi   ai   duecento   all'ora   per   qualche piccola strada tortuosa. Questo non è vivere, è l'esatto opposto. Vivere   questi   istanti   al   cento   per   cento   per   me   è   immergermi   nel   creato   con consapevolezza.   È   amare   quel   momento   e   qualunque   creatura      che   in   quel quark   di   tempo   mi   appare.   È   assaporare,   guardare   con   gli   occhi   dell'amore puro, l'Agape, che nulla chiede ma tutto da...

Ecco… I nostri figli

Clicca sulla miniatura per ingrandire
a Papa Francesco La    terza    copia    di    questa    prima stampa    del    libro    l'ho    inviata    a sua       Santità       Papa       Francesco assieme   ad   una   lettera   in   cui   gli raccomando         una         carissima amica,   quella   che   considero   mia figlia   primogenita.   Quest'oggi   ho avuto    la    certezza    che    la    lettera ed       il       libro       sono       giunti       a destinazione    e    che    il    Papa    sta pregando anche per noi tutti.

ECCO… I NOSTRI FIGLI - Il libro

2016 © Eugenio Malaspina

Mi    chiamo    Eugenio    Malaspina    e    ho    scritto    un    libro,    un piccolo   volume   che   non   diventerà   mai   un   best   seller,   ma   che testimonia    ciò    che    fanno    molti    collaboratori    laici    delle Missionarie    della    Carità,    le    "sisters"    di    Madre    Teresa    di Calcutta. Vi    racconto    la    mia    esperienza    è    quella    di    mia    moglie Caterina,   entrambi,   da   quasi   quattro   anni,   operiamo   presso la   missione   di   Bologna   gratuitamente   e   coinvolgendo   tutti   i nostri familiari e conoscenti. Nel   libro   in   piccola   parte   raccontiamo   la   nostra   "chiamata"   e ampiamente     alcune     storie     di     ragazze     che     abbiamo conosciuto in questi anni o rincontrato nello stesso periodo. A   Bologna   accolgono   solo   donne,   ragazze   giovani   e   anziane, ragazze   in   cinta   abbandonate   o   giovani   mamme   vittime   di violenze   o   incapaci   di   mantenersi.   Vengono   accolte   signore anziane   sole   che   nessuno   più   vuole   tra   i   piedi   o   che   non hanno nessun parente. Come   si   può   raccontare   in   poche   pagine   la   vita   di   una persona?   È   impossibile   ma   si   può   far   conoscere   ciò   che   gli accade   e   ciò   che   induce   in   loro   dolore   e   sofferenza   e,   al tempo stesso, speranza è spiragli di luce. I   nomi   sono   stati   quasi   tutti   cambiati   per   tutelare   la   privacy di    codeste    nostre    sorelle    e    fratelli.    Potrete    leggere    di Sebastian,   il   piccolo   bimbo   di   cinque   anni   cerebro   leso   che con   la   sua   mamma,   in   attesa   di   un   altro   bimbo,   è   stato   qui per essere curato. Potrete   leggere   la   storia   di   Barbara   e   Chiara   della   Costa d'Avorio   e   di   Elena,   Nicola   e   Marco,   "romani   de   Roma",   di Anna   e   Inna   dall'Ucraina,   di   “Stefania   la   cantante   di   Dio”   e tanto altro ancora. Vi   racconto   la   storia   di   Gianna   Jessen   australiana   vittima scampata all'aborto salino e di Elena e della sua famiglia. Parlo   di   Madre   Teresa   e   dei   tanti   collaboratori   nel   mondo,   di adozioni,   di   procreazione   assistita   attraverso   la   mia   storia personale,   di   aborto   e   tanto   altro   sotto   la   luce   della   Santa   di Calcutta. Lo   scopo   di   questo   libro   è   quello   di   far   conoscere,   attraverso alcuni   casi,   le   storie   di   centinaia   di   persone   che   collaborano gratuitamente    con    le    Missionarie    della    Carità    di    Madre Teresa    –        proclamata    santa    il    4    settembre    2016.    Tutti possono   fare   ciò   che   facciamo   e   questo   libro   può   aiutarci   a dare   di   più   e   a   far   si   che   altre   persone   possano   avvicinarsi   a questa realtà. Perché si fa ciò? Per amore, solo per amore. Premessa  Questo   libro   non   l'ho   scritto   perché   in   cerca   di   gloria personale     o     ricchezza     economica     ma     affinché, raccontando     una     esperienza     di     volontariato     alla portata   di   tutti,   anche   altri   possano      intraprendano   la stessa   strada,   o   anche   una   differente,   seppur   d'amore e servizio per i fratelli. Pensare   al   futuro   mi   fa   un   po'   paura   e   non   dovrei   averne, non dovremmo averne. Il    passato    invece    tenta    di    condurmi    ad    uno    stato    di angoscia,   ci   sono   molti   bei   momenti   da   ricordare   ma   anche     tanti    lunghi    periodi    di    sofferenza    che    a    ripensarli    si rinnovano. Il    quark    temporale,    quell'infinitesimo    di    esistenza    che congiunge     il     futuro     al     passato     e     che     chiamiamo impropriamente   presente,   quello   sì   che   è   fantastico,   quello sì che mi affascina. Quel   preciso   istante,   questo   preciso   istante   lo   voglio   vivere intensamente,   al   cento   per   cento.   Non   parlo   certo   di   sballo, di   imbottirmi   di   droghe   o   di   alcool,   nemmeno   di   salire   in macchina   e   lanciarmi   ai   duecento   all'ora   per   qualche   piccola strada tortuosa. Questo non è vivere, è l'esatto opposto. Vivere    questi    istanti    al    cento    per    cento    per    me    è immergermi   nel   creato   con   consapevolezza.   È   amare   quel momento   e   qualunque   creatura      che   in   quel   quark   di   tempo mi   appare.   È   assaporare,   guardare   con   gli   occhi   dell'amore puro, l'Agape, che nulla chiede ma tutto da...

Ecco… I nostri figli

a Papa Francesco La   terza   copia   di   questa   prima   stampa   del libro     l'ho     inviata     a     sua     Santità     Papa Francesco   assieme   ad   una   lettera   in   cui   gli raccomando    una    carissima    amica,    quella che      considero      mia      figlia      primogenita. Quest'oggi    ho    avuto    la    certezza    che    la lettera   ed   il   libro   sono   giunti   a   destinazione e   che   il   Papa   sta   pregando   anche   per   noi tutti.